Museo del Divino Infante

A Gardone Riviera dal 19 novembre 2005, c’è una nuova realtà da scoprire ed è il Museo realizzato dalla Signora Hiky Mayr, collezionista colta, di origine tedesca, che ha dedicato più di trentacinque anni della sua vita alla ricerca, la raccolta ed il restauro delle sculture raffiguranti il Bambi no Gesù.

Ci racconta la Signora Mayr che la collezione inizia per caso visitando la bottega di un antiquario….. “Stavo cercando delle vecchie pentole di rame che mi servivano per creare un addobbo nell’albergo di famiglia “ il Grand Hotel Fasano” e fra queste pentole vidi spuntare due gambette nude, di legno e chiesi a chi appartenessero …” 
Il commerciante rispose. ”Al Bambino Gesù”. L’immagine era commovente, si trovava in pessime condizioni, sporco, pieno di escoriazioni, privo di alcune dita delle mani e dei piedi, ma una volta recuperato divenne il capostipite della collezione e ora si trova nel Museo”. Per entrare subito in questa nuova realtà, vi precisiamo che la raccolta vanta più di duecentocinquanta sculture di quattro secoli e documenta attraverso i manufatti esposti, le tecniche, gli usi, l’iconografia legata al tema della scultura a tutto tondo avente per soggetto “Gesù Bambino” e in alcuni casi “Maria Bambina”. 
Le dimensioni si aggirano tra i sessanta ed i novanta centimetri. Qui c’è proprio tutto ciò che riguarda “Gesù Bambino”, lo trovate in fasce, ignudo oppure abbigliato da “Piccolo Re” con vesti ricchissime ed un ampio corredo. 
Oltre a quanto sopra descritto, esiste nel Museo un “Presepe napoletano” d’epoca con più di centotrenta figure e numerosi animali. 
L’ubicazione è a soli cinquecento metri dal “Vittoriale”, pertanto si può creare un percorso museale con due realtà diverse, ma molto interessanti.

La Provincia di Brescia ha inserito il nostro Museo in un percorso di visite, in quanto è dotato
di tutte quelle infrastrutture idonee anche ai disabili.