Prodotti tipici

Il viaggio nell’enogastronomia bresciana e del Garda in particolare riserva molte gradite sorprese. 
Antiche tradizioni sono recuperate nei sapori, negli aromi e  nei colori di questa cucina e ci vengono riproposte ancora oggi con ingredienti legati al  territorio ed alla sua particolarità.

 

Wines
I VINI

La regione meridionale del lago di Garda, che va dalle colline della Valtenesi sino all’entroterra di Sirmione, è rinomata per la produzione di pregiati vini, come il bianco  Lugana, che nasce da un vitigno autoctono ed  ha raggiunto una notevole popolarità e importanti riconoscimenti grazie al costante impegno di ricerca e di miglioramento da parte del Consorzio di Tutela del Lugana, che lo ha saputo valorizzare e promuovere come vino dotato di forte identità. Caratterizzato da un  profumo delicato ed armonico, si caratterizza per un inconfondibile gusto secco, asciutto e vivace. Perfetto il suo abbinamento al pesce di lago.

Tra i vini rossi, va ricordato un altro vitigno e  vino caratteristico della Valtènesi:  il Groppello. E’ il vino rosso  più tipico della zona, delicato ma  speziato,  con caratteristiche note fruttate, ottimo se  accompagna primi piatti saporiti, la carne  e formaggi di media stagionatura.
Il Consorzio Garda Classico, che ne promuove e ne tutela la coltivazione e la produzione, ha meritato la propria definizione, concessa come noto solo ai vini di antica e consolidata tradizione, proprio grazie al costante impegno degli oltre ottanta viticoltori e vinificatori che vi appartengono. 
  La varietà dei vini rossi e bianchi si sposa armonicamente con un paesaggio di grande fascino, fra colline, olivi ed una rigogliosa vegetazione mediterranea.
 In quest’area si produce anche il Chiaretto, “il vino di una notte”; questo appellativo deriva dal personale sistema di vinificazione posto in atto (con una operazione che si svolge, appunto, nel corso di una sola notte) da ciascun produttore e che conferisce ad ogni singolo Chiaretto un colore, un profumo ed una fragranza unici.
L’eccellente abbinamento di questo vino a piatti a base di pesce di lago e olio extravergine d’oliva (tutti prodotti nell’area gardesana) e la bellezza intrinseca delle colline del lago di Garda stimola bellissime gite sul lago.

 

Olio extravergine
L’OLIO D’OLIVA


Le colline del Garda ospitano una produzione di oli extravergine d’oliva di alto livello, armonici nella loro struttura, con gusto fruttato e di bassa acidità.
Dai numerosi oliveti (da sempre componente fondamentale del paesaggio lacustre) nasce un olio che caratterizza l’enogastronomia tipica locale e che si è imposto all’attenzione della cucina internazionale. Si tratta di un prodotto di notevole qualità, seppure di produzione limitata, apprezzato dagli esperti e presente sulla buona tavola.
L’aumento della domanda internazionale ha dato ulteriore impulso alla già diffusa coltivazione degli olivi, che si svolge nel pieno rispetto dell’ambiente e con norme di coltivazione rigidamente controllate.
L’olio Extra –vergine di oliva è sicuramente uno degli ingredienti fondamentali della cucina gardesana.
La varietà principale con cui si ottiene l'olio extra vergine d'oliva Garda D.O.P. è la Casaliva, specie autoctona del lago di Garda. Le altre ben note cultivar sono il Leccino, il Rossanel, la Raza, il Moraiolo, il Pendolino e il Frantoio.
Tra i produttori di extravergine, l’Azienda Agricola Comincioli, www.comincioli.it, ha ottenuto un importante riconoscimento  riconoscimento dalla  guida Flos Olei 2011, redatta da Marco Oreggia e Laura Marinelli, che ha premiato il loro Casaliva denocciolato quale Miglior Olio Extravergine di Oliva - Metodo di Estrazione, E' risultato essere tra i 20 Migliori Oli Extravergini del Mondo!

 

formaggi tipici
I FORMAGGI


Le  montagne che circondano il Garda, situate prevalentemente nella regione a nord del lago, sono sede di pascoli estivi. In questi luoghi, ricchi di fiori e vegetazione ,  il latte acquista un sapore unico. Grazie a questi paesaggi  la tradizione casearia, di antica nascita, è stata mantenuta e raffinata. Oggi si producono formaggi a varie paste, morbide o più stagionate, saporite o  delicate.
Tra i prodotti più noti della produzione gardesana il formaggio Tombea, prodotto  a Cima Rest, montagna dell’Alta Valvestino ai confini con la provincia di Trento, da un ristretto numero di casari. Lo si produce da maggio a settembre, nelle malghe dei Comuni di Magasa e Capovalle e in particolare sull’altopiano di Rest.
Il Tombea ha forma cilindrica e peso tra i 7 e i 14 chili, crosta di colore giallo paglierino o marrone scuro, pasta compatta che si sgrana, occhiatura irregolare e diffusa.

Il profumo è speziato e il gusto è sapido, leggermente piccante nel finale.
A Tremosine, cuore del Parco Alto Garda Bresciano, si produce la Formaggella omonima, a pasta morbida, dal sapore fragrante e dal profumo delicato delle essenze dei prati di montagna. Prodotta con latte di vacca appena raccolto ottenuto negli allevamenti dell'altipiano di Tremosine. Sapientemente maturata in locali con muffe selezionate, è un prodotto squisitamente buono e dalla massima digeribiltà.
Tipico della vicina Valle Sabbia e del paese di Bagolino è il formaggio Bagoss, stagionato e saporito, uno fra i prodotti più interessanti e ricercati per il suo sapore inconfondibile. 
Stuzzicanti evasioni fra gusti particolari e piacevoli scoperte.

La ditta Piccinelli Andrea si occupa con passione della selezione e vendita dei migliori prodotti anche locali. I formaggi descritti sono tutti reperibili presso il loro punto acquisti.

 

agrumi
GLI AGRUMI


Gli agrumi vennero introdotti  sul Garda dalla Riviera Ligure ed i primi coltivatori furono, già  nel secolo XIII, i frati del convento francescano di Gargnano.  Il clima mite e temperato del lago si rivelò ideale per la produzione delle piante e la loro coltivazione si diffuse presto  lungo tutta la Riviera Occidentale, da Limone a Salò.
Le limonaie testimoniano ancora oggi un passato di impegno e fatica e rappresentano una testimonianza storica ed archeologica da salvaguardare.
I limoni rappresentarono sicuramente una risorsa economica importante per la sponda occidentale del Garda. Una volta raccolti, venivano selezionati e divisi in base alle dimensioni. I più pregiati, i fini, venivano esportati in molti paesi confinanti.

Sul Garda prese avvio la coltivazione del limone ma in seguito furono inseriti altri agrumi, come il pregiato cedro, la cui scorza è utilizzata per la estrazione di essenze  e la preparazione di fresche bevande.


La Cedrata prodotta dalla Tassoni è una bevanda storica, di difficile reperimento nei bar, poiché rappresenta un prodotto di nicchia. L’aroma di cedro che la caratterizza la rende  una bevanda unica.
La ditta Gardabirra, principale fornitrice delle strutture alberghiere e di ristorazione locali, tra i suoi ottimi prodotti e vini di numerose cantine, distribuisce anche la famosa bibita.

La Cedrinca, storica ditta salodiana, da sempre utilizza, oltre ad altri ingredienti altamente selezionati, il frutto del cedro, producendo da oltre un secolo specialità dolciarie di alta qualità.
Nonostante il primo amore del suo fondatore fosse il cioccolato, ben presto si riuscì a creare una unione con il frutto del cedro, da cui nacquero prodotti unici e di grande pregio.

 

pesce del lago d garda
IL PESCE DEL GARDA

In tempi non molto antichi anche la pesca ha rappresentato una importante risorsa economica per numerose famiglie gardesane. Le tecniche sono state tramandate di generazione in generazione e in molti luoghi vengono mantenute le tradizionali procedure di preparazione e conservazione del pesce di lago, che si presta a ricette tanto semplici quanto squisite.
Tra i pesci più pescati e diffusi, le sardine, il coregone o lavarello, il luccio – gigante del lago e l’ottimo cavedano.
Molti i nostri ristoranti che offrono, nei loro menu’, prelibati piatti a base di pesce di lago.